09 feb 2013

La poesia transfinita di Bruno Galluccio

Bruno Galluccio
Verticali

di Bruno Galluccio
Einaudi pagine 110 € 12,00

Quando da bambini ci insegnavano il concetto di numero provavamo sensazioni quasi banali, guardare  quelle singole mele poste le une vicino alle altre, era intuitivo diventassero due nel paniere.Poi crescendo, ecco la vertigine, la scoperta dei numeri complessi,algebrici,transfiniti!
E' come quando a Capri percorri la strada  per Villa Jovis ed alla fine dell'ascesa ti ritrovi  davanti al salto di Tiberio, "vertigini verticali" ti regala quella pietra che precipita nell'infinito mare.Vorresti le ali di Icaro per lanciarti nel vuoto, ma è impossibile: impossibile? E la Poesia e la Matematica che cosa sono se non le ali
che Icaro bruciò per giovanile irruenza? Queste sono le emozioni che regalano le poesie di Galluccio, metafore aritmetiche, non a caso la poesia centrale della raccolta è dedicata ad un grande matematico Gerog Cantor, colui che creò la teoria degli insiemi,che ci ha fatto comprendere il concetto di  numeri transfiniti che fece tremare la Chiesa, chissà perchè certa Chiesa di fronte a geni come Galilei o Cantor ,trema,mi viene da rispondere con i versi di Caproni:
"(...) So anche che voi non credete
a Dio.Nemmeno io.
Per questo mi sono fatto prete(...)"* .
In "Verticali" le emozioni sono tante come diversi sono i registri e i temi affrontati dal poeta e fisico napoletano, lui stesso dice in un'intervista, la poesia "funziona solo se ti fa perdere la strada", ed è così .

di Luigi De Rosa

esercizio lungimirante
fare calcoli sulle parti
riflettere su rimanenze
addentrarsi tra le parentesi
(sospendendo quel che premeva fuori)
e dire così addio all'eden degli interi

e impariamo che non possiamo sommarci
subito
ma dobbiamo prima denominarci
comunemente
conoscere la minima essenza condivisa
che ci moltiplichi

di Bruno Galluccio da Verticali, "Piano di emersione";Einaudi 2009



Una chiesa rassegnata
corpo di abbandono alla campagna.
Il tempo l'ha allontanata dagli uomini,
soltanto il sole si inginocchia
di fronte a mezzogiorno
depone un bacio sul volto screpolato.

Un uomo rosso in viso passa lì per caso
lascia cadere un cenno di preghiera
ripescata dall'infanzia.

di Bruno Galluccio da Verticali;
dalla sezione "Proiezioni" Einaudi 2009



* da "Lamento del preticello deriso" di Giorgio Caproni;Tutte le poesie,Garzanti 1999.




Nessun commento: