02 mag 2011

Certi amori non finiscono fanno dei giri immensi e poi ritornano amori indivisibili, indissolubili, inseparabili Ma amici mai


ternitti
di Mario Desiati
Mondadori pagine 258 € 18,50

Niederurnen, cantone di Glarus Svizzera, siamo negli anni sessanta, quasi
duemila abitanti dei comuni del Capo di Leuca migrarono per lavorare
nell'omonima fabbrica di amianto. "Ternitti" così i lavoratori meridionali,
pugliesi e calabresi chiamavano il terribile eternit che veniva fabbricato in Svizzera.
Molti di questi lavoratori italiani oggi sono morti o, se sopravvissuti, gravemente malati, in sintesi rappresentano la più grande e silenziosa tragedia dell'emigrazione italiana. Questo romanzo è il racconto di questo silenzioso massacro che ha scavato nel profondo le carni di giovani lavoratori, di padri e madri che volevano dare un futuro ai loro figli sensa sapere che stavano condannando se stessi ad una morte lenta e dolorosa. Marco Desiati intreccia la tragedia di questi lavoratori con una combattuta storia d'amore, quella di Mimì, ragazzina ribelle, di Scorrano (Lecce), guidata nelle sue scelte dalle voci degli antenati (allucinazioni,fantasmi?)e dalla voglia di emancipazione. Nella "casa di vetro" la fabbrica abbandonata dove vivevano come bestie gli emigrati,Domenica Orlando detta Mimì incontra Ippazio, giovane operaio, che salta di vasca in vasca a rimestare eternit, ma in questo mondo canceroso una notte alla luce di un fiammifero accadde che...
di Luigi De Rosa

Nessun commento: