02 ago 2012

Storia di un ragazzino e del cavallo che gli insegnò a volare


"Storia di un ragazzino e del cavallo che gli insegnò a volare", mi piace
parafrasare il titolo del capolavoro di un degli autori che amo di più, Luis Sepùlveda,che con "la sua storia della gabianella e il gatto" ha incantato generazioni di giovani lettori per raccontarvi questa storia che non è una favola (racconto che troverete anche sul Mattino di Napoli edizione del 2 agosto 2012 giornalista Gennaro Pappalardo). Ebbene il protagonista di questa vicenda è un ragazzo Francesco Paolo Esposito,oggi giovane allevatore di Massa Lubrense , che da bambino trascorreva i pomeriggi in compagnia di zia Maria Luisa,nella vicina frazione di Sant'Agata sui due Golfi. La zia soffriva di una malattia debilitante l'oligofrenia, ma non per questo rinunciava a guardare con passione sognante gli spettacoli equestri. In quei pomeriggi fiorì nell'animo del bambino un desiderio, quello di avere un cavallo perchè sentiva,quasi d'istinto, che questo nobile animale avave potere taumaturgico sugli uomini, sulla sofferenza e sull'isolamento al quale è condannato spesso il diversamente abile. Spunta quindi il Sole, in tutti i sensi, una mattina i genitori regalano a Francesco, Sole , un cavallo destinato al macello perchè impossibilitato a gareggiare. Sole si dimostra subito un animale "sprucido" dal temperamento peperino ed è qui che fa capolino Francois Pignon, un guru transalpino dei cavalli, che insegnò a Francesco come entrare in sintonia con il suo cavallo proprio come Cesar Millan fa con suoi cani, quando il cavaliere di Massa conquistò la fiducia di Sole, i giochi erano fatti, il progetto che aveva in testa da bambino Francesco Paolo, realizzare uno spettacolo equestre per disabili comincia a poggiare su basi, anzi zoccoli, solidi.
Oggi la foto di Francesco Paolo Esposito campeggia sulla copertina della maggiore rivista di argomento equestre "Cavallo Magazine" testimonial dei giochi olimpici di Londra 2012 , ma Francesco non parteciperà ai giochi, la sua medaglia più grande già l'ha vinta,nè per il dressage nè per il salto a ostacoli, per la solidarietà.
"Angeli senz'ali" è lo spettacolo equestre che organizza ogni anno e parte dei proventi finanziano eventi destinati a disabili. Sabato 4 agosto 2012 ore 20:30 presso la sede della Pro Loco di Massa in via Filangeri, Francesco Paolo Esposito presenterà il suo libro dedicato a quest'avventura :"Liberi all'unisono".
di Luigi De Rosa

Nessun commento: