04 lug 2012

Perchè l'Iran non è Ahmadinejad !


L'equilibrista
di Qeysar Aminpour (1960 -2007)

Mi sono appoggiato
al vento
l'equatore come asta
l'orizzonte come corda,
mi sono fermato
sull'orlo di due precipizi all'improvviso:
all'improvviso per un suono
all'improvviso per un silenzio
sotto di me
a bocca aperta
la valle dell'abisso.
Necessariamente
con un suono dal silenzio
e per sempre sospeso
tra due precipizi
cammino;
il mio destino è scrivere.

da Poesia 273 Luglio 2012 .Questo mese il magazine diretto da Nicola Crocetti dedica
un ampia rassegna alla poesia di un grande paese: l'Iran.
(la foto in alto del poeta persiano Qeysar Aminpour è tratta dal web)

Nessun commento: